Non può piovere per sempre

Celebre frase che noi nati negli anni ’80 identifichiamo subito con il cult movie Il Corvo e che questo insolito freddo piovoso maggio 2019 ha decisamente confutato.

Forse può piovere per sempre…

La primavera quest’anno non è ancora arrivata, le rondini non si sono viste da questa parte del mondo e forse appena smetterà di piovere arriverà di colpo l’estate, il caldo torrido, la fuga in massa verso il mare alla ricerca di qualche attimo di refrigerio.

Ma l’afa arriverà senza averci avvisato, senza averci dato il tempo di togliere il piumone dal letto e ad aver finito il cambio di stagione.

Senza che le nostre candide braccia per usare l’epiteto greco simbolo della bellezza femminile si siano coperte di quel leggero velo di abbronzatura necessario per evitare le scottature.

Senza averci dato la possibilità di apprezzare il tepore del sole prima di odiare il caldo estivo.

Pioveva o meglio diluviava quando due giorni fa sono salita su un aereo/ piccione gigante, coperta da sciarpa e impermeabile e con le ossa umide che iniziavano a lamentarsi. Sono salita convinta che quel freddo, la pioggia, il cielo nero mi avrebbero accompagnato anche qui a Malta nelle mie tanto agognate vacanze no stress.

Sono partita lasciando a casa il piumone nel letto e i termosifoni ancora tiepidi, le scatole dei vestiti estivi aperte all’ultimo minuto dubbiosa e titubante su cosa mettere in valigia.

Sono arrivata umida, accolta da un solicino pallido quasi timido e dalla valigia uscita dal rullo completamente fradicia e provata dagli urti delle mani gentili degli addetti all’imbarco, ma troppo contenta per aver ritoccato terra non mi sono fatta distogliere dall’obiettivo. Sole, caldo, mare.

Ed eccomi qui. Il giorno dopo la prima giornata al mare con le gambe ustionate a chiazze irregolari che urlano vendetta e Aloeeeee.

Era ovvio. La mia povera pelle color latte non ha retto lo shock e il cambio di temperatura senza preavviso..

Ed eccomi quindi bruciata, ma contenta perché qui ha finalmente smesso di piovere…

Annunci

Carrozzina o passeggino

I papà delle bambine. Un’entità superiore a metà tra un Peter Pan volante e il padre banchiere un po’ impacciato di Mary Poppins. Un ruolo vissuto al pari di un’investitura, una nomina a cavaliere, un compito da portare a termine fino alla morte. Del drago cattivo ovviamente.

I papà sono super eroi senza la tuta colorata. Ognuno con il suo super potere e con il proprio tallone d’Achille. Come Superman il mio uomo in grigio odia la criptonite, i pannolini super puzzolenti, ma indossato il mantello scintillante, la pannuccia da Supercuoco passa i fine settimana a cucinare sughi succulenti a prova di bambino.

Da ossessionato dell’invecchiamento cutaneo la increma per ore e ore e prende molto seriamente il suo svezzamento televisivo e calcistico tanto da insegnarle a riconoscere Cristiano Ronaldo in campo alla tenera età di 16 mesi.

Il mio personale super eroe dorme spesso fino a tardi. Completamente sordo a richiami notturni e si dilegua difronte al taglio delle unghie o ai tanto odiati lavaggi nasali, ma gioca fino allo sfinimento con pentoline e finte pappine e balla a tempo la sigla di Masha e Orso.

Fino a 12 mesi fa distingueva a mala pena un pantalone da una gonna adesso si erge a dispensatore di consigli per gli acquisti.

<< Compra la carrozzina per la bambola non il passeggino così quando Emmina la spinge la può vedere e coccolare >>.

E tutti zitti ha parlato Superpapa’

Cotoletta Vs Hamburger

Cosa fanno un martedì mattina in centro città una milanese e un’americana? Tentano di capirsi!

Potrebbe sembrare l’incipit della tipica barzelletta… Ma è solo il buffo incontro tra due signore, solitamente separate da un Oceano.

Una milanese, ovviamente mia mamma, la donna con tre nomi e un cognome ostrogoto, accanita sostenitrice delle proprie radici lombardo/teutoniche e un’americana, una bionda signora degli Hamptons che trascorre alcuni periodi in Italia e che ovviamente non poteva scegliere una miglior compagna di conversazione della sottoscritta, logorroica per nascita e per disperazione altrui.

cotoletta

La prima distante solo 500 km dalla terra natia non si è mai integrata nella Toscana d’adozione e conserva immutato il proprio accento, la freddezza tedesca e una R moscia insostenibile. Il risultato linguistico è assolutamente comico per non dire incomprensibile ad un orecchio non allenato. Amante del burro e refrattaria a qualsiasi sport, negli anni ha scambiato il suo spirito avventuriero e hippy per una tinta bianca di capelli e i panni da nonna ancora prima di diventare nonna.

La seconda, decisamente agli antipodi, donna in carriera, amante dello sport, atletica e sostenitrice del cibo sano, curiosa viaggiatrice, ha intrapreso la folle idea di imparare perfettamente l’italiano, verbi inclusi.

Americano Burger Bar (Cincinnati, OH)

L’incontro tra questi due mondi culturalmente e linguisticamente opposti è avvenuto una mattina nebbiosa, il tipico tempo che mette tristezza a tutti tranne che ai milanesi, che di nebbia e cotolette vivono.

K. allenata a gestire la conversazione con me e la mia parlantina non era pronta a quella incomprensibile della mia genitrice che, della generazione che ha studiato francese alle superiori, considera l’inglese una moda passeggera.

Solo per pronunciare Bed and Breakfast correttamente ci sono voluti diversi tentativi risolti con il semplice B. & B.

Il risultato è stata una Babele, un tripudio di lingue e accenti in centro storico: K. cantava le canzoncine americane a Emma Sveva, la mia mamma che aveva chiaramente bisogno di un’interprete e io che mi divertivo troppo ad assistere alla rappresentazione della commedia dell’assurdo.

L’effetto finale era simile a quello di quando da bambini giocavamo al telefono senza fili dove la parola che arrivava all’ ultimo del filo non era mai uguale a quella iniziale.

Forse l’unica che ci capiva davvero tutte e tre era Emmina, abituata alla R moscia e a un po’ di americano maccheronico.

Tornando a casa l’ultimo punto interrogativo rimasto irrisolto nel viso di mia mamma si è finalmente sciolto con la domanda:

Ma gli americani non erano tutti grassi?

Cortesie per gli ospiti

Ma sono l’unica ossessionata dai programma e dai giudici di Cortesie per gli OSPITI?

Quando ti ritrovi la sera a registrare le repliche delle puntate già viste e riviste del programma di Real time solo per imparare dagli errori commessi dagli altri e immaginando nei dettagli come apparecchieresti la tavola per fare colpo su Csaba capisci che hai decisamente bisogno di una serata in discoteca o quanto meno una serata tra adulti che non siano personaggi della televisione.

Mentre continuo silenziosamente a gongolare perché non utilizzo i copridivani tanto demonizzati, mi esercito con la mente nella realizzazione della serata immaginaria.

Punto primo: apparecchierei semplicemente la tavola, less is more, tovaglia ovviamente grigio scuro e il servizio di piatti di porcellana bianca, le posate d’acciaio ad impugnatura fine che ho preso con i punti al supermercato, calici di vino e bicchieri per l’acqua lineari.

Galateo

Dovrei cedere al tanto temuto ferro da stiro, abbandonato da anni nel ripiano più alto del mobile lavanderia, e stirare la tovaglia e il tovagliolo grigio che un santo tutorial mi insegnerà a posizionare correttamente.

Superato quest’ostacolo ne rimane ancora uno: la posata da dolce perfetta… Dopo un’attenta analisi per evitare gaffes meglio buttarsi sui tarallucci e vinsanto.

Csaba con la sua gonna a ruota colorata passerà tra le sedie grigie e ispezionera’ le pieghe della tovaglia alzando leggermente il sopracciglio in segno di disapprovazione.

Ma noi donne con la gonna a ruota ci intendiamo.

Per il cibo? Per fortuna il mio Grey man cucina. A me rimane la conversazione con i miei ospiti immaginari

Senza dubbioبدون شك

img_20190326_1801166423193243114513429.jpg

In questo preciso momento della mia esistenza, complice probabilmente questo vento di cambiamento che mi ha buttato giù la notte scorsa lo stendino, mi ritrovo ad affrontare nuove sfide.

Come se avessi bisogno di aggiungere nuove declinazioni di me stessa a quella attuale.
Tutte ovviamente con lo stesso taglio e colore di capelli.

Non sono incline ai cambiamenti repentini e non accetto facilmente le novità, niente che non abbia previsto un periodo di attesa e preparazione: il mio nuovo sorriso senza dentino egocentrico, il mio loft grigio, la mia bambina.
Mi piace arrivare in fondo alle sfide con la giusta organizzazione, tagliando alla fine il traguardo con un certo anticipo sui tempi previsti.

Il primo appuntamento con lo sport dopo 10 anni doveva essere quindi una prova di corsa, una camminata veloce sotto il vento che infuriava.

Tranquillizzo chi ieri in orario di pranzo mi abbia visto uscire di casa in tenuta ginnica per andare a correre al campo di atletica della mia città. Non avete problemi di allucinazioni.

Ero io. Senza dubbio. بدون شك

Mi preparavo a tagliare il traguardo alla prossima maratona a tirmo di passino dopo passino si fa un chilometrino!

Diventa anche tu un terrapiattista

Potrebbe essere il titolo di un nuovo corso di formazione, un ciclo di 5 appuntamenti in e-learning per raggiungere finalmente l’ambitissimo titolo di Terrapiattista, il sostenitore accanito della piattezza della terra.Ognuno è giustamente libero di credere in ciò che vuole e di pensare che siamo tutti vittime di una manipolazione a 360 ° tanto per reiterare il concetto, ma la notizia dei 4 ambasciatori di tale credo che a Pavia hanno bloccato per un’ora un treno perché non volevano pagare il biglietto in quanto immuni dalle leggi di un mondo tondo in cui non credono, mi fa riconsiderare le teorie di Darwin sull’ evoluzione della nostra specie. Non è che stiamo tornando indietro?Cari Terrapiattisti anche se la terra quando ci poggiamo sopra i piedi sembra essere piatta vi comunico che l’unica certezza, oltre la piattezza di qualche encefalogramma, è il ritardo del servizio ferroviario anche senza il vostro aiuto.Comunque la prossima volta che mi capita di salire in treno dimenticandomi di acquistare il biglietto mi appellero’anche io al vostro credo. Chapeau

Nel paradiso dei pelapatate

Ci sono misteri che nell’ universo non possono essere risolti. Ci sono eventi che non possono essere spiegati razionalmente. Bisogna solo accettarne l’intrinseca eccezionalità.

Nella mia vita raramente ho lasciato che il fato decidesse per me e faccio fatica a credere a qualcosa che non possa essere spiegato scientificamente.

Ultimamente ho dovuto però cedere all’evidenza che non tutto possa essere controllato.

Negli ultimi due anni la mia cucina ha inghiottito qualcosa come 10 pelapatate, l’utensile con la lama al centro che avrebbe fatto risparmiare a generazioni di militari e cuochi le ore con il coltello in mano passate a sbucciare verdure.

Ne ho acquistati tantissimi, colorati, professionali, super taglienti, ma tutti chi prima e chi dopo si sono dissolti in una nube misteriosa.

Il mio compagno che non aspetta che questi episodi per ribadire la mia distrazione innata oramai ha perso ogni speranza di ritrovarne uno.

Le possibilità suggerite sono molteplici: la lavastoviglie ingorda che li risucchia nello scarico, un buco nero nel mio cassetto degli accessori da cucina o l’ opzione più plausibile ossia che la sottoscritta nella frenesia di cucinare veloce qualcosa di commestibile li getta nel secchio con le verdure.

Oramai in casa abbiamo accettato che c’è un luogo misterioso dove vanno tutti gli oggetti dimenticati, persi e abbandonati. Nel Paradiso dei pelapatate