ODI ET AMO

Sempre ribadito il mo rapporto controverso con la punteggiatura.
Un “odi et amo” alla Catullo.
Nove anni fa una virgola ha però fatto la differenza.

C’era una volta un ragazzo molto riservato che ai miei slanci esuberanti rispondeva con poche e lapidarie parole sensate, c’era una volta una ragazzo che portava sempre gli occhiali da sole anche alle 20 di sera, c’era una volta un ragazzo che con gli occhi color ghiaccio esprimeva forse più di quello che diceva, solo che la sottoscritta ragazza ha da sempre delle grosse difficoltà a comprendere il linguaggio non verbale.

Nove anni fa, dopo aver sfoderato tutti i miei migliori tentativi di pseudo-seduzione – praticamente mi ero arresa prima di iniziare – alle 2 di notte del 1 aprile 2012 arrivò il messaggio che attendevo da mesi, un invito a cena tanto lungo da sembrare un poema, correlato da virgole e punti.

Mi aspettavo anche il secondo messaggio con scritto Pesce d’aprile!, ma stranamente non arrivò.

La certezza che fosse Lui fino al giorno dopo non ce l’ho avuta, ma quelle virgole e le mille subordinate lasciavano pochi dubbi. Solo LUI, il mio uomo in grigio poteva invitarmi ad uscire giustificandone il motivo in un SMS di 160 caratteri. Solo Lui che mi diede dell’arrogante dal primo giorno mentre mi stampava contemporaneamente un bacio nella fronte poteva scrivere un Sms perfetto, sensato e unirlo dal miglior rafforzativo possibile: una parolaccia.
Un sms fatto di virgole e parolacce, come questi 9 anni insieme…