Classico rivisitato

Quattro anni fa abbronzavo le mie candide braccia a Creta, distesa su una spiaggia vuota con davanti un mare ghiaccio ma splendido e dietro le vette ancora innevate, a ricordarmi che nonostante il caldo era sempre fine aprile.

Anche quest’anno ero a Creta, immersa nei resti del bellissimo palazzo di Festo e ad immaginarmi la fastosità del palazzo di Cnosso, oramai artificiosamente ricostruito. Ero lì che ripercorrevo le strade tutte curve per arrivare alla spiaggia dei surfisti a Matala e per entrare nelle sue grotte neolitiche scavate nella pietra a strapiombo sulla spiaggia, ero lì con i miei sandali ragnetto trasparenti a calpestare le rovine che in Grecia si trovano integrate in ogni luogo, ero lì vestita di azzurro a ricongiungermi con il mio Io spirituale nel Monastero di Preveli.

Il 23 aprile 2017 partivo per Creta con un biglietto aereo a/r, il 20 aprile di quest’anno rispondevo alla domande sulla civiltà neopalaziale minoica durante un esame di storia greca all’Università, direttamente seduta su una sedia della mia sala da pranzo, in tuta.

In una modalità diversa, ma ero sempre lì a cercare di tradurre le iscrizioni e mangiare olive, ero sempre lì a osservare una civiltà distrutta e poi rifiorita e poi di nuovo distrutta e a litigare con Matteo su chi ne sapesse di più. Ovviamente LUI!

In quest’anno strano non ho trovato di meglio da fare che rifugiarmi nelle uniche certezze che ho aldilà del mio amore incondizionato verso lo stile marinaro, l’amore per la storia e per la Grecia.

In quest’anno strano che ha rimescolato orari, impegni e appunto certezze, mi sono rifugiata nel passato, nel pragmatismo greco, nella capacità degli antichi di ricostruire e di rinascere dalle rovine, di cercare l’equilibrio dentro di sè e fuori di sè.
Molti per necessità e per spinta interiore si sono reinventati in quest’ultimo annus horribilis, la sensazione di “sopravvivere” invece che di vivere unita alla mia infinita curiosità mi ha portato ad una nuova sfida, che sa di antico e di nuovo allo stesso tempo, un classico rivisitato, colorato di rosa e luccicante come la penna Unicorno prestata da mia figlia per l’esame scritto di storia romana di febbraio.

Spezzo la mia abituale lancia verso la scuola che più ho odiato e più amato, il Liceo Classico che lo puoi amare o odiare, ma del quale non ti puoi facilmente liberare.
Una risata interiore, impregnata di ingratitudine verso quei 5 infiniti anni di regole formali, fu la mia esatta reazione quando il preside, gli ultimi giorni di scuola, mi consigliò di fare Lettere Antiche all’Università.

Avevo bisogno di contemporaneità e di osservare il mondo da una prospettiva diversa prima di comprendere la verità di quel consiglio e di non vedere più come una prigione quelle regole di sintassi e di metrica, ma bensì come un porto sicuro che rimane immutato, che ritorna come in un ciclo, a completare un cerchio dove inizio e fine si confondono. Proprio come i Greci ti insegnano.



La Grecia ti rimane dentro, prima di inziare

ODI ET AMO

Sempre ribadito il mo rapporto controverso con la punteggiatura.
Un “odi et amo” alla Catullo.
Nove anni fa una virgola ha però fatto la differenza.

C’era una volta un ragazzo molto riservato che ai miei slanci esuberanti rispondeva con poche e lapidarie parole sensate, c’era una volta una ragazzo che portava sempre gli occhiali da sole anche alle 20 di sera, c’era una volta un ragazzo che con gli occhi color ghiaccio esprimeva forse più di quello che diceva, solo che la sottoscritta ragazza ha da sempre delle grosse difficoltà a comprendere il linguaggio non verbale.

Nove anni fa, dopo aver sfoderato tutti i miei migliori tentativi di pseudo-seduzione – praticamente mi ero arresa prima di iniziare – alle 2 di notte del 1 aprile 2012 arrivò il messaggio che attendevo da mesi, un invito a cena tanto lungo da sembrare un poema, correlato da virgole e punti.

Mi aspettavo anche il secondo messaggio con scritto Pesce d’aprile!, ma stranamente non arrivò.

La certezza che fosse Lui fino al giorno dopo non ce l’ho avuta, ma quelle virgole e le mille subordinate lasciavano pochi dubbi. Solo LUI, il mio uomo in grigio poteva invitarmi ad uscire giustificandone il motivo in un SMS di 160 caratteri. Solo Lui che mi diede dell’arrogante dal primo giorno mentre mi stampava contemporaneamente un bacio nella fronte poteva scrivere un Sms perfetto, sensato e unirlo dal miglior rafforzativo possibile: una parolaccia.
Un sms fatto di virgole e parolacce, come questi 9 anni insieme…